Culture Gate Shigeko Kubota 1990
Culture Gate Shigeko Kubota 1990

1990 | CULTURE GATE

Dopo aver visto il videotape del Parco della Villa Comunale di Taormina ho pensato a un paradiso che non avevo ancora visto in vita mia.
Intorno al parco c’è uno stupendo mare azzurro, alberi verdi e fiori. Ho immaginato di passeggiare nel parco lungo i sentieri accuratamente disegnati nella collina del paesaggio roccioso: trovo assai eccitante mostrare la mia video-scultura fuori da un museo, in questo paesaggio.
Pioverà? Anche se piove, cosa importa? Che sia asciutto o bagnato, il video controllerà una trasmigrazione di anime attraverso la Video Arte.
Sarà molto bello, specialmente la notte, poiché i raggi del video e i video-schermi di monitor e proiettori appariranno come infinite stelle; luci guizzami come diamanti nell’oscurità del cielo. La mia Video Porta è tanto un’ingresso quanto un’uscita in un magnifico parco naturale. La Sicilia è stata l’ingresso delle culture dalla Grecia e dall’Oriente, ha fatto conoscere grandi intellettuali, idee, concetti, filosofie e tesori al resto dell’Europa. Quando noi giapponesi visitiamo templi e santuari, c’è sempre una porta. Davanti a questa porta dobbiamo correggere il nostro atteggiamento e far fronte a noi stessi. La porta è un simbolo dell’ingresso nella terra di Dio e di Buddha. Ho progettato una porta per la perfetta bellezza del Parco della Villa Comunale di Taormina, come se esso fosse stato fatto da Dio, mentre in realtà è stato costruito nel secolo scorso per una principessa anglo-indiana.
La Villa è un perfetto teatro all’aperto davanti all’oceano, il mare di Taormina, con la veduta del Monte Etna. Il magnifico ed esotico paesaggio mediterraneo sta in contrasto con il mio video computerizzato, disegno elettronico di un panorama. Intendo combinarli insieme nell’ambiente naturale, manipolando ventiquattr’ore di cambiamento di luce e tempo. Talvolta, il paesaggio naturale appare assolutamente perfetto come in una cartolina o in altri mezzi di stampa. Il paesaggio naturale videoregistrato sembra più reale del paesaggio naturale. Numerosi film e drammi di varie proporzioni devono essere stati realizzati nel Parco della Villa Comunale di Taormina.
Sono felicissima di partecipare a questo progetto per l’estate 1990. Sarà una felice estate per inaugurare il nuovo decennio.
Shigeko Kubota, La porta della cultura

La Porta della Cultura, installazione composta di 32 monitors, 16 davanti e 16 dietro, disposti entro una porta metallica (dimensioni variabili: altezza 2,5-3 metri, larghezza 2-3 metri, quamo quella del viale in cui è disposta).

Video: durata 30′ su due canali (A e B): immagini di alberi di ciliegio in fiore, a volte manipolate elettronicamente, con disegni computerizzati sovrapposti (canale A).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.